Revenge porn. Davvero basta una legge per fermare il fenomeno?

Il termine revenge porn letteralmente significa: "private sexual images or films showing a particular person that are put on the internet by a former partner of that person, as an attempt to punish or harm them". [fonte: Cambridge University] Il fenomeno è ampiamente diffuso: secondo Data & Society Research Institute e Centre of Innovative Public Health Research, il 4% degli americani (10.4 milioni) hanno subito minacce di pubblicazione di materiale esplicito o la stessa pubblicazione. La categoria più colpita … Continua a leggere Revenge porn. Davvero basta una legge per fermare il fenomeno?

Annunci

Hiv e Aids. Contro stereotipi e pregiudizi qualche informazione e un video

Il 1 dicembre è stata la trentesima giornata per la lotta all'Aids. Per l'occasione  l'Osservatorio AiDS – Aids Diritti Salute, Friends of the Global Fund Europe, Aidos – Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo e Bluestocking hanno presentato il progetto "Aids, Tubercolosi e Malaria: fatti e stereotipi": "Tre spot per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tre grandi epidemie che ancora oggi … Continua a leggere Hiv e Aids. Contro stereotipi e pregiudizi qualche informazione e un video

25N. L’unica alleanza possibile contro la violenza è con le migranti e le persone che lottano

Il 25 novembre è stata la giornata contro la violenza sulle donne. Istituzioni, associazioni, TV, giornali, personaggi più o meno noti si uniscono ritualmente per ribadire quanto questa violenza sia terribile e odiosa. Ma dalle parole di condanna ai fatti concreti per eliminarla la strada è lunga ed è più che in salita. Quanto successo … Continua a leggere 25N. L’unica alleanza possibile contro la violenza è con le migranti e le persone che lottano

#ThisIsNotConsent, una precisazione al di là del sensazionalismo

In questi giorni ha fatto scalpore la notizia dell'assoluzione di un ventisettenne irlandese dall'accusa di stupro perché, stando a quanto si leggeva dai titoli sensazionalistici dei giornali nostrani, la vittima avrebbe indossato un tanga, prova inconfutabile del suo essere disponibile ad avere rapporti con il ragazzo. Tuttavia l'hashtag #ThisIsNotConsent è nato più che contro la … Continua a leggere #ThisIsNotConsent, una precisazione al di là del sensazionalismo

Red Dead Redemption 2. Quando il gioco diventa uccidere la suffragetta

È bene per questo articolo sgomberare il campo da alcuni fraintendimenti: i videogiochi sono finzioni e come tali possono permetterci di compiere azioni che nella vita reale non potremmo, vorremmo o saremmo liberi di compiere senza serie ripercussioni sulla nostra esistenza, inoltre non hanno il compito di educare, se non stati progettati proprio con quelle … Continua a leggere Red Dead Redemption 2. Quando il gioco diventa uccidere la suffragetta

Le strade libere le fanno le donne che le attraversano. Anche per Desirée

La morte di Desirée ci insegna tante cose. Fa rabbia, tanta rabbia l'ennesima morte di una giovane ragazza, ma ancora più rabbia fa il fatto che dalla sua morte ne trarranno vantaggio gli sciacalli della politica. Non è più tempo per stare in silenzio. In ogni luogo, in ogni scritto deve emergere il suo grido … Continua a leggere Le strade libere le fanno le donne che le attraversano. Anche per Desirée

L’aborto libero rende liber* tutt* (anche dai fascisti!)

Nella stessa data del corteo a Verona in risposta all'attacco fortissimo sferrato contro il diritto all'aborto, si doveva svolgere il corteo del comitato "No194", convertito poi in presidio (con immediate lagnanze e richiesta formale di rimozione del questore di Milano direttamente al ministro degli interni), al quale avrebbe partecipato anche Forza Nuova insieme al suo … Continua a leggere L’aborto libero rende liber* tutt* (anche dai fascisti!)